ondate di calore in India

Cambiamento climatico: in India è allarme caldo

News
Condividi

L’India sta soffocando nella morsa di un’ondata di calore tra le più critiche mai viste. A Barmer, piccola città del Rajasthan meridionale, si è recentemente registrata una temperatura massima pari a 45,1 gradi. A detta dell’India Meteorological Department, i valori medi riportati durante il mese di marzo nel Paese indicano un record storico mai superato negli ultimi 122 anni. Contestualmente, le precipitazioni sono state pari a un quarto del loro valore medio nello stesso arco temporale.

Le previsioni per le prossime settimane sono tutt’altro che rassicuranti, dal momento che maggio e giugno – periodo precedente alla piovosa stagione monsonica – corrispondono ai mesi tipicamente più caldi dell’anno.

getty_delhi_tiger

Nella foto (Getty Images): Una tigre allo zoo di Delhi cerca di combattere il caldo

Vita ai limiti della sostenibilità

Nel frattempo, la vita nella penisola indiana si fa sempre più insostenibile. Numerosi incendi stanno divampando sia nelle vaste aree verdi della giungla che all’interno delle enormi discariche limitrofe a diverse megalopoli come New Delhi e Mumbai. All’emergenza climatica si è aggiunto anche il dramma di quella energetica: per far fronte all’intenso utilizzo di condizionatori elettrici, in diverse regioni sono state infatti chiuse scuole e fabbriche per parte della giornata lavorativa. Proprio a pochi mesi dall’inizio di quella che avrebbe dovuto essere la fase di ripresa di una delle nazioni più duramente colpite dagli effetti della pandemia, l’India si trova a doversi fermare ancora una volta.

Arpita Mondal, climatologa dell’Indian Institute of Technology di Mumbai, parla dell’ondata di calore come di un’anomalia che “raramente ha colpito l’intero Paese con questa intensità“. Mondal inoltre riferisce che non ci sono dubbi sul fatto che l’impatto dell’attività umana rappresenti una delle cause principali. La forte vulnerabilità dell’India nei confronti dei cambiamenti climatici è un punto menzionato anche all’interno dell’ultimo report IPCC sul clima pubblicato dalle Nazioni Unite. Si prevede infatti che, in assenza di misure efficaci contro l’inquinamento atmosferico, il Paese rischia di sprofondare in una crisi umanitaria dovuta al peggioramento delle sue condizioni di abitabilità.

Fonte: Bbc, The Vision

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.