telegram durov

Pavel Durov, creatore di Telegram, su libertà e privacy

Blog
Condividi

Le interessantissime riflessioni di Pavel Durov su libertà e #privacy, appena lanciate dal suo canale e prontamente tradotte dall’inglese da Rachele Zinzocchi.

«Noi generalmente supponiamo che il mondo sta diventando un posto migliore ogni anno. Ma quando si tratta di libertà individuali, è vero il contrario. La maggior parte degli studi mostrano che l’umanità è ora meno libera di diversi anni fa.

20 anni fa avevamo decentralizzato Internet e un sistema bancario relativamente illimitato. Oggi, Apple e Google censurano le informazioni e le applicazioni sui nostri telefoni mentre Visa e Mastercard limitare ciò che beni e servizi che possiamo pagare. Ogni anno cediamo più potere e controllo sulle nostre vite ad una manciata di dirigenti aziendali irresponsabili che non abbiamo eletto.

La maggior parte di noi porta volentieri dispositivi di monitoraggio – i nostri telefoni – e consentire alle aziende di utilizzare i nostri dati privati per prenderci di mira con contenuti che ci tiene distratti con intrattenimento di bassa qualità. A differenza di 20 anni fa, ora siamo circondati da telecamere di sorveglianza, che in paesi come la Cina usano l’intelligenza artificiale per assicurarsi che nessuno possa nascondersi. 

Nel 2017, la Cina ha superato gli Stati Uniti come la più grande economia del mondo per potere d’acquisto, mostrando al mondo che le libertà individuali non sono necessarie per lo sviluppo economico. Guardando al successo della Cina, più paesi diventano autoritari, frenando i diritti umani essenziali come la libertà di parola, movimento e assemblea.

Chi risolverà la cosa?

Le menti più attive e creative della nostra generazione sono troppo impegnate a produrre contenuti digitali per tenere tutti gli altri incollati ai loro dispositivi più a lungo. Il resto sembra essere troppo distratto con l’abbondanza di intrattenimento digitale a buon mercato per valutare criticamente la tendenza e agire.

Guardando questo, mi chiedo che cosa diventerà l’eredità della nostra generazione. Passeremo alla storia come coloro che lasciano che le società libere si trasformino in incubi distopici? O saremo ricordati come coloro che hanno difeso le libertà che le generazioni precedenti hanno combattuto così duramente per vincere?».

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *