Sono più di 4 anni che in Francia non si possono buttare gli alimenti scaduti

EconoMi@
Condividi

Era il 3 febbraio 2016 quando è stato promulgato un decreto legge, votato all’unanimità dall’Assemblea di Parigi, che vietava ai grandi supermercati e ai centri commerciali (oltre i 400 m²) di buttare prodotti ancora commestibili rimasti invenduti.

Secondo il decreto le rimanenze devono essere compostate se non più commestibili o donate ad associazioni di beneficenza se vicine alla data di scadenza.

Forse sarebbe il caso di copiare le buone pratiche anche da noi, no?

P.S. – Economicamente è chiaro molto più conveniente buttare via il cibo scaduto per un centro commerciale visto che l’ammontare delle tasse sul servizio di smaltimento dei rifiuti viene calcolato in base alla metratura dell’esercizio commerciale e non sulla quantità di rifiuti generati. Dividere i rifiuti per poterli compostare ha un costo maggiore, per donarlo invece penso serva un inventario delle merce ceduta oltre a del lavoro dal lato amministrativo dell’azienda.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.