fonti rinnovabili

Rinnovabili, WindEurope: no a coesistenza price cap Ue e nazionali

EconoMi@
Condividi

“L’Ue vuole un’enorme espansione delle energie rinnovabili per uscire dall’attuale crisi energetica – afferma il CEO di WindEurope (l’organizzazione europea dei produttori dell’energia eolica), Giles Dickson – ciò significa un sacco di nuovi investimenti nelle rinnovabili, nell’eolico e nel solare, ma gli investitori hanno bisogno di chiarezza”.

Un price cap uniforme, che non è uniforme. E’ la critica principale di WindEurope al pacchetto di misure contro il caro energia presentato dalla Commissione europea. Il fatto che il limite Ue al prezzo dell’elettricità prodotta da rinnovabili e da altre tecnologie incluso tra le misure anti-crisi possa coesistere con massimali nazionali già esistenti o gli che Stati membri possano andare oltre nel limitare i ricavi dei produttori “è inutile” e “produce incertezza per gli investimenti”.

“Quindi un tetto massimo a livello dell’Ue sui ricavi dell’eolico dovrebbe essere proprio questo: un limite unico a livello dell’Ue – prosegue Dickson – consentire ai paesi di deviare da esso e avere una capitalizzazione inferiore crea confusione e incertezza e rallenterà gli investimenti di cui abbiamo così tanto bisogno”.

Fonte: Ansa 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.