odori e ricordi

Perché il legame tra odori e ricordi è così forte

Scienza
Condividi

La capacità degli aromi di riportare alla mente ricordi altamente specifici sta diventando sempre più comprensibile e potrebbe essere utilizzata per potenziare e curare il nostro cervello.

Un boccone di una madeleine e un sorso di tè è tutto ciò che è servito per riportare Marcel Proust nel ricordo d’infanzia delle domeniche mattina con sua zia. “Non appena il liquido caldo, e le briciole con esso, mi hanno toccato il palato, un brivido mi ha attraversato tutto il corpo e mi sono fermato, intento agli straordinari cambiamenti che stavano avvenendo”, scrisse il romanziere francese nel 1913.

Questa esperienza di un odore che accende un vivido ricordo sarà familiare a molte persone. Come diceva Proust, «l’odore e il sapore delle cose restano a lungo in bilico, come anime, pronte a ricordarcelo». Ma il modo in cui gli odori ci fanno viaggiare nel tempo nella nostra mente ed evocare emozioni non è solo di interesse letterario, è qualcosa che gli scienziati stanno cercando di decifrare.

“L’odore è molto radicato nella nostra memoria emotiva”, afferma Eric Vermetten, psichiatra clinico e ricercatore di traumi presso il Leiden University Medical Center nei Paesi Bassi. Per lui e molti altri ricercatori, l’architettura del cervello stesso è un indizio di quanto gli odori siano strettamente collegati ai ricordi. Quando sentiamo un suono, il segnale viene convogliato dalle nostre orecchie al tronco cerebrale, quindi fino a una parte del cervello chiamata talamo, prima di raggiungere finalmente la corteccia uditiva. Ma quando si tratta di percepire gli odori, la connessione con il cervello è meno tortuosa.

I neuroni olfattivi nel naso si estendono direttamente al bulbo olfattivo del cervello, da cui possono essere trasmessi ad altre regioni del cervello, comprese le aree coinvolte nella memoria.

La precisione dell’olfatto

L’olfatto è specifico, il che aiuta a spiegare come i nostri ricordi olfattivi possano essere così precisi. Gli esseri umani hanno più di 400 tipi di recettori olfattivi. Questo ci offre un’enorme quantità di dettagli olfattivi e il nostro sistema nervoso ha bisogno di classificare tutto quell’input olfattivo. Nel 2013, un gruppo di scienziati ha suggerito che così come esistono cinque sensi del gusto (dolce, salato, acido, amaro e umami-gradevole al palato), esistono dieci dimensioni di base dell’olfatto, come fruttato, nocciolato, legnoso e agrumato. Tuttavia, i ricercatori hanno fornito ai partecipanti al loro studio solo 144 profumi da profilare, una minuscola frazione dell’intero spettro degli odori, che potrebbe aver limitato il numero di dimensioni degli odori che i volontari hanno raccolto.

Sapere come il nostro cervello tiene traccia degli odori che incontriamo è stata una fonte di fascino per Sandeep Robert Datta, neuroscienziato alla Harvard Medical School di Boston, nel Massachusetts. Negli ultimi due anni, lui e i suoi colleghi hanno pubblicato due studi che mostrano come funzionano le memorie olfattive a breve e a lungo termine nel cervello.

Leggi tutto su Nature

Immagine: Sam Falconer

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.