telegram durov

Pavel @durov, le sue dichiarazioni al vetriolo su WhatsApp e Facebook

Tech&Web
Condividi

In diretta dal Canale Telegram di Pavel @durov, le sue dichiarazioni al vetriolo su WhatsApp e Facebook.

«Ho sentito che Facebook ha un intero dipartimento dedicato a capire perché Telegram è così popolare. Immaginate dozzine di impiegati che lavorano a tempo pieno.

Sono felice di far risparmiar a Facebook decine di milioni di dollari e svelare gratuitamente il nostro segreto: rispettare i tuoi utenti.

Milioni di persone sono indignate dall’ultimo cambiamento nei Termini di Whatsapp, che ora dicono che gli utenti devono condividere tutti i loro dati privati col motore pubblicitario di Facebook. Non sorprende che la migrazione degli utenti da Whatsapp a Telegram, già in corso da qualche anno, abbia accelerato.

A circa 500 milioni di utenti e in crescita, Telegram è diventato un problema importante per la società Facebook. Incapace di competere con Telegram in termini di qualità e privacy, Whatsapp di Facebook sembra essere passato al marketing segreto: gli editori di Wikipedia hanno recentemente esposto più bot a pagamento aggiungendo informazioni di parte nell’articolo di Whatsapp Wikipedia.

Abbiamo anche rilevato bot che diffondono informazioni inesatte su Telegram sui social media. Ecco i 3 miti che stanno spingendo:

Mito 1. “Il codice di Telegram non è open source”. In realtà, tutte le applicazioni client di Telegram sono open source dal 2013. La nostra crittografia e API sono completamente documentati e sono stati esaminati da esperti di sicurezza migliaia di volte. Inoltre, Telegram è l’unica app di messaggistica al mondo che ha build verificabili sia per iOS che per Android. Per quanto riguarda Whatsapp, hanno intenzionalmente offuscato il loro codice, rendendo impossibile verificare la loro crittografia e privacy.

Mito 2. “Telegram è russo”. Infatti, Telegram non ha server o uffici in Russia ed è stato bloccato lì dal 2018 al 2020. Telegram è ancora bloccato in alcuni paesi autoritari come l’Iran, mentre Whatsapp e altre app “presumibilmente sicure” non hanno mai avuto problemi in questi luoghi.

Mito 3. “Telegram non è criptato”. Ogni chat su Telegram è stata criptata dal lancio. Abbiamo chat segrete end-to-end e chat cloud che offrono anche archiviazione cloud sicura e distribuita in tempo reale. Whatsapp, d’altro canto, non aveva crittografia per alcuni anni, e poi ha adottato un protocollo di crittografia finanziato dal governo degli Stati Uniti. Anche se assumiamo che la crittografia di Whatsapp sia solida, è invalidata tramite diverse backdoor e la dipendenza da backup.

Solo nel 2019, Facebook ha speso quasi 10 miliardi di dollari per il marketing (immagino che questo includa bot pagati su Wikipedia e altri siti).

A differenza di Facebook, Telegram non spende soldi, figuriamoci miliardi di dollari, per il marketing. Crediamo che le persone siano abbastanza intelligenti da scegliere ciò che è meglio per loro. E, a giudicare dal mezzo miliardo di persone che usano Telegram, questa convinzione è giustificata».

Traduzione di Rachele Zinzocchi

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.