Draghi lascia il Senato

Out of the Draghi

sPunti Di Vista
Condividi

Anticipando il prequel della nota serie Game of Thrones, House of the Dragon previsto in uscita tra un mese, la maionese politica italiana è impazzita di nuovo e ieri ha messo la fine al governo di Mario Draghi, nato a metà febbraio 2021. Che, viste le premesse iniziali, con una sorta di all-in con dentro praticamente tutti, lo avevo definito il primo governo fantasy. Oggi invece, parafrasando la serie in uscita, possiamo dire che il parlamento, e la politica in generale (per ora, almeno, poi vedremo), siano Out of the Draghi. A chiusura del cerchio, ci sta.

Le premesse e il programma del governo Draghi

Battute a parte, invece e analizzando sommariamente quello che è successo, si può dire che dal programma su cui ebbe la fiducia c’erano ottime premesse per sperare in un governo di tutto rispetto; o meglio, viste le presenze con luci e ombre, di un’azione di governo di tutto rispetto. E quella fu l’impressione iniziale.

Effettivamente, rispetto alle ragioni per le quali Draghi fu chiamato dal presidente Mattarella, in primis prosecuzione e fine gestione della pandemia e -soprattutto- Pnrr, pare il governo fosse destinato a mantenere le premesse. Questo è successo in particolare sul Pnrr, che stava rischiando di naufragare con il precedente governo Conte (bis), e che effettivamente Draghi cambiò in modo sostanziale, rispetto alla prima versione inviata -da ultimo e per forza- da Conte.

L’azione di governo sempre più debole

Dalle iniziali premesse, però, l’azione del governo è andata scemando e via via perdendo di forza, smalto, forse anche lucidità. Con l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica, nel mezzo, qualche mese fa, che ha contribuito a fermare in qualche modo l’azione governativa, visto che lo stesso Draghi a un tratto pareva destinato a cambiare Palazzo: da Chigi al Quirinale.

Ma sappiamo come è andata e alla fine i partiti, nella loro totale mancanza di forza e idee, hanno chiesto (e ottenuto) la rielezione di Sergio Mattarella, che per altro aveva già traslocato.

Poi la pandemia, mai del tutto cessata, che anzi ha trovato nuovo vigore e ora è in corso l’ennesima ondata; la guerra ai confini est dell’Europa, la crisi energetica. Sul piano politico, invece, o meglio della politica e dei partiti (cosa ben diversa): la rottura interna ai 5 stelle, guidati da un Conte sempre più inutile e vanesio (e dannoso per il partito-movimento che ha deciso di guidare, male per altro) con Di Maio e altri che si sono messi in proprio, la voce sempre più grossa e fastidiosa della Meloni, il rincorrerla della destra leghista e dei poco moderati di Forza Italia.

Personalmente, il discrimine è stata sempre l’azione climatica o meglio l’inazione climatica, dell’ineffabile Cingolani, Ministro della (non) Transizione ecologica. Quindi molto molto deludente.

Le ragioni della crisi e le prossime elezioni politiche

In sintesi, quindi, che è successo? Per come la vedo io, è successo che Draghi fosse abbastanza stufo, e da tempo, delle pantomime partitiche della sua maggioranza, con Fratelli d’Italia e un manipolo di altri parlamentari all’opposizione a fare sempre da semplici e bravi piazzisti del no e del contro.

Che Conte, non sapendo più che cosa fare per tirare a campare coi 5stelle abbia colto, male e in modo intempestivo, il tempo per sfilarsi dal governo, cercando di recuperare consensi (?) elettorali; che ha aperto una crisi di cui poi è riuscito a perdere le redini (anche di quella) sfilatagli dalle mani da Salvini e Forza Italia. Questi ultimi impegnati a rincorrere Fratelli d’Italia cui hanno concesso una prateria, e infatti è accreditato di essere il primo partito con consensi assestati ad oggi al 23-25%. Capitalizzando tutti i suoi facili no a tutto. Farciti e cucinati da interventi parlamentari e pubblici completamenti vuoti e pieni solo di slogan e luoghi comuni.

Ora che succederà? Succederà quasi certamente che la destra peggiore degli ultimi decenni vincerà le elezioni, con una post (?) fascista al governo. Che se da una parte è giusto che accada: una cosa sono le chiacchiere, altro servirà a governare e dire e fare qualcosa di concreto su tutti i fronti, che non sia lo strepitare querulo e quotidiano; dall’altra sarà una iattura perché farà danni enormi al Paese e alla Nazione. E se ne accorgeranno in molti, troppi, che sarà comunque troppo tardi.

E la sinistra?

Quanto al campo della sinistra, se il cosiddetto centro sinistra, (leggasi PD con ciò che ne rimane dei fuoriusciti-forse rientranti), non ha capito fino ad oggi che più che il campo largo, ha creato il campo santo; se non ha capito fino ad oggi che l’elettorato e soprattutto la contemporaneità chiede e ha bisogno di radicalità, di scelte chiare forti e nette (come hanno insegnato gli esempi europei di Spagna, Francia e Germania) sarà destinato solo ad essere il partito più forte nel campo del sé (e del mah, aggiungo). Personalmente aspetto chi poter votare. E personalmente aspetterò la serietà e la competenza di scelte chiare sull’azione climatica. L’unica questione che racchiude il futuro di lavoro, economia, società e, in sintesi, del futuro nostro e delle prossime generazioni.

Foto: Ansa

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.