Lo stretto della Nuova Zelanda attraversato per la prima volta da un aereo elettrico

News
Condividi

Mentre ha fatto la storia diventando la prima persona a sorvolare lo stretto di Cook in Nuova Zelanda su un aereo elettrico, Gary Freedman ha pensato che fosse giusto che la prima cosa che vedesse avvicinandosi alla costa di Wellington fosse la pala rotante di una turbina eolica che produceva energia rinnovabile.

Il volo da solista di 40 minuti di Freedman nel piccolo biposto è arrivato 101 anni dopo che la prima persona ha sorvolato un aereo convenzionale sullo specchio d’acqua che separa le due isole principali della nazione del Pacifico meridionale.

Gli aerei e l’ambiente

Lo scopo era di attirare l’attenzione sulle possibilità di un volo più ecologico ed era programmato in concomitanza con l’apertura di un fondamentale vertice sul clima delle Nazioni Unite a Glasgow, in Scozia.

I funzionari dell’aeroporto internazionale di Wellington ritengono che potrebbe essere la distanza più lunga percorsa da un aereo elettrico attraverso qualsiasi specchio d’acqua.

“È una giornata molto emozionante per l’aeroporto. Una giornata da record mondiale”, ha detto la portavoce Jenna Raeburn.

Il pilota ha detto che era estasiato quando è atterrato e la tecnologia ha funzionato meglio di quanto avesse sperato. “Avevamo ancora il 40% nella batteria”, ha detto. “Avremmo potuto quasi tornare indietro”.

Freedman, 49 anni, che ha fondato la società ElectricAir, ha affermato di essere da tempo appassionato dell’ambiente e l’idea è nata pensando all’incongruenza tra guidare un’auto elettrica e pilotare un aereo a gas.

L’aereo elettrico

Ha fatto un viaggio in Slovenia per acquistare un aereo Pipistrel Alpha Electro, e poi ha fatto i salti mortali con i regolatori dell’aviazione della Nuova Zelanda per ottenere l’autorizzazione all’aereo.

Pesa meno di 400 chilogrammi (880 libbre) ed è molto più silenzioso di un aereo tradizionale. Per il viaggio di 78 chilometri (48 miglia), Freedman ha volato a soli 1.000 piedi (305 metri) sul livello del mare e alla velocità relativamente bassa di 130 chilometri all’ora (81 mph) per preservare la sua carica.

Freedman ha detto che ci vuole circa un’ora per caricare completamente l’aereo. Anche il tempo massimo di  è di circa un’ora, e lo usa principalmente per l’addestramento dei piloti.

L’aeroporto internazionale di Wellington si sta preparando per voli regolari a corto raggio di nuovi aerei elettrici da 12 posti che inizieranno tra circa cinque anni, ha affermato Raeburn, portavoce dell’aeroporto. Ha detto che la tecnologia elettrica non è ancora abbastanza avanzata per alimentare grandi aerei passeggeri, ma i biocarburanti e l’idrogeno probabilmente forniranno alternative più ecologiche in futuro.

Traduzione da Tech Xplore

Foto: Mark Mitchell/New Zealand Herald via AP

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.