covid e adattamento

Il Covid è qui per restare: i Paesi devono decidere come adattarsi

Scienza
Condividi

Dal punto di vista della pandemia, il 2022 sembrava pronto per iniziare con una forte dose di déjà vu, con i casi di COVID-19 in aumento in molti paesi in vista del nuovo anno. Nel frattempo, una nuova variante del coronavirus sembrava pronta a sopraffare i sistemi sanitari tra i timori che i vaccini – dalle prime vaccinazioni ai richiami, a seconda del paese – non potessero essere lanciati abbastanza rapidamente per arginare l’imminente tsunami di infezioni.

La gradita notizia che i picchi della variante Omicron sono associati a malattie meno gravi negli adulti rispetto alle varianti precedenti di SARS-CoV-2 suggerisce che alcuni degli scenari peggiori dei modellatori di pandemie non si realizzeranno.

Ma la vita è stata nuovamente sconvolta. Le assenze diffuse dovute alle infezioni da coronavirus hanno lasciato gli ospedali di molti paesi a corto di personale, costretto gli scolari a tornare all’apprendimento a distanza e una mobilità globale limitata. E anche se una percentuale relativamente piccola delle persone infette richiede il ricovero in ospedale, i tassi di infezione alle stelle in una vasta popolazione significano che molte persone dovranno comunque affrontare malattie pericolose per la vita e disabilità a lungo termine. Ciò è particolarmente vero per i non vaccinati, un gruppo che comprende gran parte della popolazione mondiale, in particolare i bambini.

Per coloro che avevano sperato che il 2021 sarebbe stato l’anno in cui la pandemia avrebbe passato i tempi, è stato un duro promemoria del fatto che è ancora molto presente. Piuttosto che fare piani per tornare alla vita “normale” che conoscevamo prima della pandemia, il 2022 è l’anno in cui il mondo deve fare i conti con il fatto che SARS-CoV-2 è qui per restare.

Convivenza con il Covid e nuovi equilibri

I paesi devono decidere come vivranno con il COVID-19 e convivere con il COVID-19 non significa ignorarlo. Ogni regione deve capire come bilanciare i decessi, l’invalidità e le interruzioni causate dal virus con i costi finanziari e sociali delle misure utilizzate per cercare di controllare il virus, come obbligo di mascherine e chiusure di attività. Questo equilibrio varierà da un luogo all’altro e, con il tempo, man mano che saranno disponibili più terapie e vaccini e man mano che emergono nuove varianti.

L’emergere della variante Omicron lo scorso novembre ha evidenziato le continue sfide della vita con SARS-CoV-2. Alcuni paesi stavano già affrontando picchi nella variante Delta altamente trasmissibile, ma i vaccini e le precedenti infezioni hanno conferito livelli relativamente elevati di protezione contro Delta, in particolare contro malattie gravi. Molti ricercatori – e un discreto numero di politici – speravano che le ondate future sarebbero state meno dirompenti, grazie all’accumulo di immunità nelle popolazioni che avrebbero tenuto sotto controllo la circolazione virale e avrebbero protetto la maggior parte delle persone dalle gravi manifestazioni di malattie che drenano l’assistenza sanitaria risorse.

Ci si aspettava che le mutazioni nel genoma virale avrebbero lentamente indebolito questa immunità, in particolare la sua capacità di fermare la trasmissione virale. Ma Omicron ha inferto un colpo più rapido e grave all’immunità del previsto. Ora è chiaro che le reinfezioni da SARS-CoV-2 sono più comuni e che alcuni dei vaccini COVID-19 più utilizzati hanno vacillato di fronte alla variante. I vaccini esistenti, sviluppati contro una variante precedente, ora richiedono un richiamo per fornire livelli sostanziali di protezione contro le infezioni.

Le notizie positive

Ma le notizie non sono state tutte tristi. I vaccini, in particolare quando potenziati, sembrano ancora fornire una protezione sostanziale contro malattie gravi e morte. I primi dati provenienti da studi sugli animali suggeriscono che

Omicron potrebbe generare una patologia diversa rispetto alle varianti precedenti, causando una maggiore infezione delle vie respiratorie superiori e una minore infezione dei polmoni.

I dati provenienti da diversi paesi suggeriscono che la variante è associata a una malattia meno grave, anche se richiede ulteriori studi se ciò è dovuto alla variante stessa o a un’immunità preesistente diffusa.

I paesi hanno tracciato una serie di percorsi durante l’ultima ondata. Molti con le risorse hanno accelerato la distribuzione di booster per il vaccino, ma molti altri non hanno questo lusso. Alcuni paesi hanno ripristinato i blocchi, mentre altri si stanno trattenendo, in attesa di vedere fino a che punto l’aumento dei tassi di infezione influirà sugli ospedali.

Con i tassi di infezione in aumento in tutto il mondo e molti paesi ancora incapaci di accedere a forniture di vaccini adeguate, continueranno a emergere altre varianti preoccupanti di SARS-CoV-2. E, come ha illustrato Omicron, la capacità di prevedere quale corso prenderanno quelle varianti diventa più difficile poiché le complessità dell’evoluzione virale e dell’immunità preesistente complicano i modelli che sono stati precedentemente utilizzati per anticipare il corso della pandemia. Ora i modellisti devono tenere conto degli effetti dei vaccini, delle infezioni precedenti, del declino dell’immunità nel tempo, dei colpi di richiamo e delle varianti virali e, con il passare dell’anno, dovranno anche considerare l’impatto dei trattamenti antivirali emergenti.

Una presenza endemica?

Ma ciò che è chiaro è che la speranza che i vaccini e l’infezione precedente possano generare l’immunità di gregge al COVID-19 – una possibilità improbabile fin dall’inizio – è quasi scomparsa. È opinione diffusa che SARS-CoV-2 diventerà endemico anziché estinto, con i vaccini che forniscono protezione da malattie gravi e morte, ma non eradicano il virus.

Come hanno dimostrato Omicron e altre varianti, ciò non fa che aumentare l’urgenza con cui i vaccini devono essere distribuiti ai paesi che attualmente mancano di forniture. Sono in corso sforzi per rafforzare la produzione di vaccini in paesi come il Sud Africa, che storicamente non sono stati centri per la produzione di vaccini. Questi e altri sforzi per promuovere l’accesso globale ai vaccini rimangono nel migliore interesse di tutti i paesi: è particolarmente probabile che emergano varianti devastanti e focolai infuocati nelle regioni con bassi tassi di vaccinazione e la loro diffusione sarà ulteriormente esacerbata laddove i livelli di test e genomica anche la sorveglianza è bassa.

2022, le nuove difese

Fortunatamente, il 2022 è pronto per aumentare le nostre difese contro la pandemia.

Nuovi vaccini, come i vaccini a base di proteine, che potrebbero costare meno e avere requisiti di conservazione meno rigorosi rispetto ai vaccini mRNA attualmente, diventeranno più ampiamente disponibili.

A dicembre, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha approvato il tanto atteso vaccino proteico prodotto da Novavax a Gaithersburg, nel Maryland, per l’uso di emergenza. Gli studi clinici in corso stabiliranno se saranno utili anche i candidati vaccini imminenti che prendono di mira specifiche varianti di coronavirus, o che possono essere inalati o assunti per via orale anziché iniettati. Diversi candidati nasali sono in fase di test clinici, tra cui uno di CanSino a Tianjin, in Cina, e un altro sviluppato da AstraZeneca a Cambridge, nel Regno Unito.

Nel frattempo, i nuovi farmaci antivirali, formulati in compresse che possono essere facilmente somministrate all’inizio del corso dell’infezione per ridurre la possibilità di malattie gravi e di morte, offrono un altro approccio contro il COVID-19. Negli ultimi mesi, alcuni paesi hanno autorizzato l’uso di due di questi farmaci: Molnupiravir, prodotto da Merck a Kenilworth, New Jersey, e Ridgeback Biotherapeutics a Miami, Florida; e Paxlovid, realizzato da Pfizer, con sede a New York. I dati degli studi clinici cardine di altri candidati sono attesi per il prossimo anno.

Tutti questi amplieranno la capacità del mondo di gestire i focolai di SARS-CoV-2. Sono motivo di speranza e ottimismo, ma con una forte dose di realismo: il virus continuerà a circolare e a cambiare e i governi devono continuare a fare affidamento sulla guida e sui consigli degli scienziati. Non sempre saremo in grado di prevedere il percorso del virus e dobbiamo essere pronti ad adattarci ad esso.

Fonte: Nature

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.