Il coronavirus si diffonde nei cervi e in altri animali, scienziati preoccupati

News
Condividi

Gli scienziati hanno scoperto che la SARS-CoV-2 si diffonde come un virus tra i cervi dalla coda bianca e altri animali selvatici negli Stati Uniti.

Le persone sono la probabile fonte, ma ciò non significa che il virus non possa evolversi tra questi animali e poi riversarsi negli esseri umani, e i ricercatori sono preoccupati di cosa significhi questa diffusione per il rischio di future pandemie.
Non c’è dubbio che SARS-Cov-2, il virus che ha causato la pandemia in corso, provenga da un animale, quasi certamente un pipistrello. E l’opinione scientifica prevalente è che lì come ospite intermedio, un animale di qualche tipo, è stato infettato da un pipistrello o da pipistrelli e poi ha infettato le persone.

Visoni e leopardi

È anche chiaro che le persone possono infettare gli animali. Animali domestici come gatti, animali da zoo come gorilla e leopardi delle nevi e visoni d’allevamento possono essere tutti infettati. Sono stati segnalati più casi e le prove di cambiamenti nei virus che infettano il visone hanno portato all’abbattimento di massa di quegli animali negli allevamenti di animali da pelliccia.
L’ultima specie a catturare l’attenzione dei biologi della fauna selvatica è il cervo dalla coda bianca. Non sorprende che i cervi d’allevamento prendano il virus dalle persone. Qualsiasi visitatore di un allevamento di cervi sa che gli animali si comportano come capre, ficcando il naso bagnato nelle tasche, nelle mani e nei volti di visitatori o assistenti umani mentre chiedono a gran voce cibo e dolcetti – e si preparano per l’infezione.
Ma come lo prendono i cervi selvatici?

Diffusione virale tra i cervi

“Se qualcuno potesse mordere una mela e lanciarla o anche se starnutisco in un fazzoletto e lo faccio cadere”, ha ipotizzato il dott. Suresh Kuchipudi dell’Animal Diagnostic Laboratory della Pennsylvania State University, che ha contribuito a condurre uno studio pubblicato all’inizio di questo mese che ha trovato un un terzo dei cervi che hanno testato in Iowa tra settembre 2020 e gennaio 2021 ha mostrato segni di infezione.
È stato scoperto che le acque reflue trasportano il virus, quindi l’acqua inquinata potrebbe essere una fonte, ha aggiunto, o le persone che sputano o contaminano l’ambiente in altri modi. I cervi possono quindi diffondere il virus l’uno all’altro.
“Tieni presente che questi sono animali altamente sensibili e anche se non sai quanto virus devono essere infettati”, ha detto Kuchipudi alla CNN. “Solleva la domanda urgente: sappiamo che i cervi stanno effettivamente trasmettendo il virus tra loro, e quindi a chi lo stanno dando?”
È anche possibile che un’altra specie raccolga il virus dalle persone e infetti i cervi.
“Non sappiamo cosa sta succedendo nel nostro paese e dobbiamo scoprirlo”, ha detto Hon Ip dello United States Geological Survey nel Wisconsin.

Hotspot virali tra i roditori

Ip e colleghi hanno testato gli animali che hanno trovato intorno a un allevamento di visoni che era il luogo di un focolaio nello Utah e hanno scoperto che puzzole, topi e altri animali erano sensibili a una varietà di coronavirus.
Inizialmente erano preoccupati che il visone, che ha catturato il virus che causa il Covid-19 dalle persone, potesse infettare la fauna locale. Non hanno trovato alcuna indicazione in merito. “È stata una sorpresa molto piacevole”, ha detto Ip alla CNN.
Ma i topi, i procioni, le puzzole e altri animali trasportavano un carico di altri coronavirus. “Il numero di coronavirus e la diversità sono stati una sorpresa”, ha detto Ip.
“I nostri risultati indicano una prevalenza inaspettatamente alta del coronavirus tra gli animali domestici e selvatici testati negli allevamenti di visoni e aumentano la possibilità che queste operazioni possano essere potenziali punti caldi per future ricadute virali trans-specie e l’emergere di nuovi coronavirus pandemici”, hanno scritto. in un rapporto pubblicato sulla rivista Viruses in ottobre.
Ricercatori come Ip e Kuchipudi affermano che sono necessari molti più studi come questo.
Kuchipudi e colleghi hanno condotto il loro studio dopo che il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha pubblicato una ricerca a luglio che ha rilevato che il 40% dei cervi testati in quattro stati aveva anticorpi contro il SARS-CoV-2, prove che erano stati infettati.
Ci sono diversi motivi per cui gli scienziati non vogliono vedere un virus come quello che causa l’infezione degli animali da Covid-19. Per prima cosa, crea ciò che è noto come un serbatoio, in modo che anche nel caso improbabile che tutti vengano vaccinati e il virus smetta di circolare tra le persone, circolerebbe comunque tra gli animali e potrebbe alla fine infettare le persone.
Più probabile, invece, è il rischio che possa cambiare ed evolversi. Ciò può avvenire in due modi.
Uno è l’adattamento costante. Poiché infetta specie diverse, il virus cambierà per adattarsi meglio a quelle specie e ciò potrebbe renderlo più o meno pericoloso per l’uomo.
Un’altra strada per cambiare: i virus possono prendere scorciatoie scambiando grandi pezzi di materiale genetico in un processo chiamato ricombinazione. L’influenza è particolarmente efficace in questo, ma anche i coronavirus possono farlo. Se un animale viene infettato da più di un coronavirus alla volta, i due tipi possono mescolare e abbinare i geni e potenzialmente creare nuove varianti.
“La ricombinazione è uno dei principali meccanismi per l’evoluzione del coronavirus”, ha affermato Ip. Quindi, se gli animali sono già portatori delle loro varietà di coronavirus e le persone li infettano con ceppi che causano pandemie tra gli esseri umani, esiste il potenziale per questi virus di infettare gli animali allo stesso tempo, scambiare materiale genetico e dare origine a nuovi specie virali pandemiche.

Origini della pandemia

“Ciò solleva domande molto urgenti sulla traiettoria di questa pandemia”, ha detto Kuchipudi.
Se ci sono animali là fuori come il cervo dalla coda bianca che sono così facilmente infettabili e che trasmettono così facilmente il virus tra loro, questa è una bandiera rossa.
Ciò significa che è necessaria una sorveglianza molto migliore per vedere quali altri animali potrebbero essere infettati da persone o da altri animali e quale minaccia potrebbero rappresentare per altri animali e per le persone.
“Dobbiamo essere preparati per eventuali varianti che potrebbero emergere”, ha detto.
Inoltre, ha detto Ip, è necessaria la sorveglianza per sapere quali coronavirus vivono negli animali che potrebbero essere la fonte della prossima pandemia, non solo tra i pipistrelli nelle grotte remote nel sud-est asiatico, ma forse tra i topi, i cervi o i procioni nei cortili di il Midwest degli Stati Uniti.
E le persone devono ricordare che gli esseri umani sono la fonte primaria della diffusione del virus. Anche se il Covid-19 è originariamente derivato dagli animali, l’uomo è la specie che lo ha amplificato e diffuso.
Ricevi la newsletter settimanale della CNN Health

Iscriviti qui per ottenere i risultati con il dottor Sanjay Gupta ogni martedì dal team della CNN Health.

E c’è una risposta a questa diffusione. “I tassi di vaccinazione non sono uniformi in tutto il mondo”, ha affermato Kuchipudi. “Finché ci sono esseri umani suscettibili, diamo l’opportunità al virus di circolare e cambiare. Ci devono essere sforzi più concertati per vaccinare il maggior numero possibile di persone in modo da poter almeno ridurre al minimo la trasmissione tra gli esseri umani”.
Fonte: Cnn
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *