FlixBus ha acquistato Greyhound

EconoMi@
Condividi

Mentre la pandemia metteva in ginocchio le società di trasporti di tutto il mondo, Flixbus discuteva un aumento di capitale da 650 milioni di dollari che avrebbe portato a giugno la valutazione della società a 3 miliardi di dollari.

La compagnia di bus low cost tedesca, nata nel 2011 a Monaco, ha comprato Greyhound, storica e più importante società di autobus a lunga percorrenza degli Stati Uniti, per 172 milioni di dollari.

Nella conferenza stampa in cui la società annunciava l’aumento di capitale, il fondatore e amministratore delegato, Andrè Schwammlein, aveva detto ai giornalisti:

“La pandemia ha colpito pesantemente noi come ha colpito tutti. Ora la situazione migliorerà ed è il momento di passare all’attacco”.

E l’attacco è stato affondato quattro mesi dopo con una ‘vittimà d’eccellenza.

Gli investitori di Flixbus avevano accordato l’aumento di capitale proprio per aggredire il mercato statunitense. Le prime avvisaglie di ripartenza avevano dato fiducia ai fondi di venture capital che avevano finanziato la società fin dai suoi primi passi, mentre aziende come Greyhound accumulavano perdite, sia per la concorrenza di società come Flixbus, sia per colpa dei confinamenti dovuti al Covid-19.

Storia di Greyhound e la ‘strategia’ di Flixbus

Greyhound, che nel 2007 era stata acquistata dagli inglesi di Firstgroup, serve 2.400 destinazioni in Nord America e trasporta quasi 16 milioni di passeggeri all’anno. Per Flixbus la preda perfetta. L’acquisizione da parte dell’ex startup dei trasporti tedesca rappresenta il compimento della scalata a livello globale del gruppo.

Flixbus non è nuova ad acquisizioni e deve la sua crescita proprio a una serie di operazioni di m&a sulle concorrenti.

Una panoramica la offre l’osservatorio Crunchbase: Linita nel 2015, Megabus e Postbus nel 2016, Eurolines nel 2019 e Greyhound a completare il quadro. Dalla fondazione da parte dell’allora 28enne Schwammlein e i coetanei Daniel Krauss, Jochen Engert, Flixbus ha raccolto circa due miliardi di dollari, attratto oltre 16 investitori istituzionali, diventando uno dei principali unicorni del panorama europeo dell’innovazione.

Fonte: Agi

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *