telegram durov

Dal creatore di Telegram: “Consumare meno. Creare di più. È più divertente”

Visioni
Condividi

In diretta dal Canale Telegram di Pavel Durov, la traduzione italiana del suo ultimo post realizzata da Rachele Zinzocchi.

Le grandi aziende usano il marketing per ingannarci nel pensare che la soluzione a tutti i nostri problemi stia nell’acquisto di più e più cose.

La vera soluzione è spesso l’esatto contrario: consiste nel consumare meno, non di più. Nella maggior parte dei casi, i nostri problemi sono causati dall’eccessivo consumo in primo luogo.

Per esempio, se siete in sovrappeso, sarete bombardati con gli annunci per gli abbonamenti palestra o integratori alimentari. Ma la chiave per perdere peso è mangiare meno – non nuove scarpe e proteine in polvere.

O, se si lotta con mal di testa e lo stress, cercheranno di vendere pillole per il mal di testa e antidepressivi. Ma per diminuire davvero lo stress, si dovrebbe iniziare a dormire e camminare di più invece di consumare prodotti di intrattenimento e navigare sui social media a tarda notte. Le pillole non sono mai state progettate per essere una soluzione permanente: perdono potere nel tempo e causano effetti collaterali che a loro volta richiedono più pillole. Una volta intrapreso l’infinito viaggio del consumo, si rimane bloccati in una trappola progettata per render voi infelici e le aziende felici.

Attraverso l’evoluzione, Madre Natura ci ha equipaggiati per far fronte in modo efficiente ai deficit di risorse, ma non ci ha mai preparato alla vita nella relativa abbondanza che abbiamo ora. Oggi, più persone muoiono di obesità che di fame, e più persone soffrono di ansia causata da sovraccarico di informazioni che per mancanza di notizie.

Il DNA umano, il nostro hardware, è obsoleto. Ha smesso di evolversi circa 10.000-20.000 anni fa quando vivevamo ancora in piccole comunità di cacciatori-raccoglitori. Allora, ogni boccone dolce e ogni informazione era estremamente preziosa. Ora viviamo in megalopoli, circondate da tonnellate di zucchero a buon mercato, ma il nostro DNA non lo sa. I nostri corpi ancora accumulano il grasso in eccesso per prepararsi per gli inverni affamati duri che mai vengono. Le nostre menti si aggrappano ad ogni notizia inquietante che ci parla di minacce che non si materializzano mai.

Questo paradosso biologico è peggiorato dal nostro sistema economico che enfatizza la crescita del PIL e massimizza i profitti delle aziende. Le persone sono incoraggiate ad aumentare i consumi sia dai governi che dalle aziende. Non è un caso che gli Stati Uniti, un paese che ha eccelso nella crescita economica nel 20° secolo, è anche il paese più obeso sviluppato del mondo. La loro società guidata dal mercato è diventata troppo efficiente per il proprio bene.

Non solo questo sistema è dannoso per gli esseri umani, ma è anche insostenibile a lungo termine. A differenza di appetiti aziendali, le risorse del nostro pianeta sono limitate. Siamo diventati molto efficienti nel farci e venderci cose di cui non abbiamo bisogno, ma è il pianeta che paga il conto. I nostri corpi si aspettano ancora che viviamo nell’ambiente incontaminato che avevamo 10.000-20.000 anni fa, pieno di foreste verdi e laghi puliti. Mentre continuiamo a distruggere il nostro habitat nell’eterna ricerca della crescita economica, il numero di malattie causate dall’inquinamento continua ad aumentare.

Sono stato fortunato a diventare ricco all’inizio della mia vita. Quando avevo 22 anni, avevo un milione di dollari nel mio conto in banca, di 25 – decine di milioni, di 28 – centinaia di milioni. Tuttavia, questo non è mai stato ciò che mi ha reso felice.

La mia vera fortuna è stata nel rendermi conto abbastanza presto che il tipo di occupazione più gratificante è creare cose, non consumarle. Così, invece di comprare yacht, aerei e immobili costosi, mi sono concentrato su ciò che mi è piaciuto di più – la creazione di piattaforme sociali che (si spera) possano portare il bene per l’umanità. Ho speso la maggior parte dei miei fondi personali su Telegram affinché la gente goda un servizio libero che si sforza per perfezione.

Considero la capacità di creare cose per gli altri la mia più preziosa – e gratificante – risorsa. Sospetto che una delle ragioni per cui sono diventato ricco nel processo di fare ciò che amo è perché il denaro non è mai stato un obiettivo importante per me.

Quando ero uno studente, mi piaceva costruire giochi e siti web. Allora, era considerato un’occupazione per i nerd. Gli allievi promettenti sono stati preveduti per esercitarsi in legge o risolvere i casi di affari. Ma realmente non mi sono preoccupato mai di come la gente ha definito il successo. Per me, il successo era nella capacità di passare il tempo a creare cose che mi piacevano.

Non rimpiango mai di non aver comprato cose costose di cui le persone ricche amano circondarsi. L’unico rimpianto che ho è non ho più tempo per costruire le cose.

Viviamo in un’epoca in cui le possibilità di creatività umana sono infinite. Si possono inventare robot, modificare geni, progettare mondi virtuali… Ci sono così tante emozionanti aree sconosciute da esplorare. Spero che più persone scopriranno il piacere di costruire cose per gli altri. Spero che un giorno noi, come specie, ci allontaneremo dal percorso autodistruttivo del consumo senza fine per un viaggio appagante nella creazione di un mondo migliore per noi stessi e per coloro che ci circondano.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *