minatori indigeni brasile

Deforestazione e attacchi, la sofferenza degli indigeni

News
Condividi
Il fenomeno delle “corse all’oro” illegali ha di nuovo preso piede in Brasile, a scapito delle popolazioni locali. Recentemente, un altro attacco ha avuto luogo, da parte dei minatori, nei confronti di un villaggio Munduruku.

Lo ha denunciato la principale organizzazione indigena del Brasile APIB, ripresa dall’agenzia stampa Reuters

«Ancora una volta, le vite degli indigeni sono minacciate dai minatori illegali in Amazzonia».

La riserva Yanomami al confine con il Venezuela, lo ricordiamo, è stata invasa da più di 20’000 minatori dal 2019 ad oggi. La polizia federale sta impiegando centinaia di uomini, ispettori ambientali ed esperti di affari indigeni per proteggere le comunità e fermare l’estrazione mineraria illegale, ma l’attività non sembra frenare.

In una recente intervista rilasciata al Guardian, l’antropologa Ana Maria Machado, che lavora con gli Yanomami, ha definito la regione «una pentola a pressione che sta per esplodere» e ha affermato che il Presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha parte della colpa, perché ha incoraggiato i minatori: «Bolsonaro dà luce verde a tutti i tipi di illegalità nelle riserve».

Intanto, lo scontro aperto tra polizia, minatori e indigeni sta entrando in una spirale fuori controllo, e a rimetterci maggiormente sono proprio le popolazioni locali e le loro terre.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *