anonymous-elon-musk

Anonymous colpisce ancora. Questa volta è Elon Musk

Tech&Web
Condividi

Questa volta è il famoso miliardario Elon Musk ad essere finito nel mirino del gruppo Anonymous: con un video diffuso in rete l’autoproclamata legione di Anonymous accusa il CEO di Tesla di essere un “ricco narcisista che è alla disperata ricerca di attenzioni”. 

La principale accusa mossa nei confronti del sudafricano è quella di prendere troppo alla leggera l’influenza che hanno i suoi tweet sul mercato delle criptovalute, vanificando molte volte l’impegno e il sacrificio di piccoli investitori

“Milioni di investitori contavano davvero sui loro guadagni in criptovalute per migliorare le loro vite. Certo, si sono assunti il rischio quando hanno investito e tutti sanno di dover essere preparati alla volatilità delle criptovalute, ma i tuoi tweet di questa settimana mostrano un chiaro disprezzo per la persona media che lavora”.

A detta del gruppo la reputazione costruitasi negli anni, grazie al favore mondiale riguardo l’avanzamento tecnologico verso le green energy e la colonizzazione spaziale, è da indagare più in profondità: alla base del successo dell’imprenditore vi sarebbe anche lo sfruttamento di paesi e popolazione per ottenere le materie prime utili per le sue creazioni. Le azioni poco pesate e quasi istintive sul web non sono viste di buon grado soprattutto se con un singolo tweet si è in grado muovere discrete percentuali di performance di cripto.

In molti prima di Anonymous avevano affermato come fosse più cauto prendere le distanze dalle azioni e le idee di Musk. Bill Gates aveva affermato:

“Musk ha un sacco di soldi ed è un investitore molto sofisticato, quindi non si preoccupa se il Bitcoin salirà o scenderà in modo inatteso, un esempio da non seguire, o comunque con molta attenzione”. 

Nel video diffuso sono presenti frame rappresentanti notizie di cronaca che hanno coinvolto negativamente Elon Musk e che erano state accolte da alcuni paesi e da diverse testate giornalistiche scaturendo vere e proprie rivolte social con nascita di petizioni e anche di un altcoin StopElon. 

Non sappiamo se le recenti dichiarazioni sul Bitcoin e il suo inquinamento siano state realmente espresse a cuor sincero o fossero solamente una nuova mossa per smuovere il mercato delle criptovalute, sicuro è il fatto che Anonymous ha deciso di mettere in guardia il “visionario” Musk. 

“Potresti pensare di essere la persona più intelligente nella stanza, ma ora hai incontrato un tuo pari. Siamo Anonymous! Noi siamo una legione. Aspettaci, stiamo arrivando”.  

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *